In che modo la pandemia di COVID-19 ha influito sulla forza lavoro globale?

L'anno scorso è stato senza precedenti. Le metodologie di lavoro sono cambiate radicalmente e le aziende e i lavoratori hanno dovuto rielaborare norme ormai di comune accettazione, adattandosi rapidamente a un mondo incerto e in rapido cambiamento.

Per valutare l'impatto della pandemia di COVID-19 sui dipendenti, tra il 17 novembre e l'11 dicembre 2020, ADP Research Institute ha intervistato 32.471 lavoratori di 17 Paesi, tra cui oltre 8.567 della gig economy.*1

Sono emersi alcuni temi importanti:

Fiducia dei lavoratori e sicurezza del lavoro


I timori legati alla sicurezza del lavoro hanno costretto il 76% dei lavoratori ad assumere compiti extra o un carico di lavoro più pesante: oltre metà (55%) del personale essenziale e un terzo di quello non essenziali (34%) ha dovuto accettare mansioni extra durante la pandemia.

Condizioni di lavoro


Gli straordinari non pagati sono arrivati a 9,2 ore a settimana in media, in linea con il passaggio alle modalità di lavoro flessibile (solo un anno fa questo valore era di 7,3 ore).

Paghe e prestazioni


La pandemia ha causato problemi legati ai pagamenti errati e in ritardo, con più di tre lavoratori su cinque (63%) interessati durante quest'anno.

Mobilità dei lavoratori


I lavoratori stanno rivalutando le proprie modalità e località di residenza, con il 75% della forza lavoro globale alle prese con cambiamenti effettivi e previsti della propria sistemazione. Questo valore sale all'85% per la Generazione Z (18-24 anni).

Un quadro complesso

Secondo la ricerca, nonostante il senso di ottimismo generale che circonda l'impatto della pandemia, il disagio legato alla sicurezza del lavoro domina le attuali sensazioni dei lavoratori:
 

  • L'85% dei lavoratori ha subito preoccupazioni riguardo al lavoro o alla sicurezza finanziaria
  • Quasi due terzi della forza lavoro globale (64%) ha subito un impatto professionale e oltre un quarto (28%) ha perso il lavoro, è stato licenziato o temporaneamente messo in cassa integrazione dalla propria azienda
  • La fascia d'età più colpita è stata l'ultima ad accedere nel mondo del lavoro, ovvero le persone di 18-24 anni, con quasi quattro persone su cinque (78%) alle prese con problemi professionali e due su cinque (39%) con perdita del lavoro, licenziamento o aspettativa presso la propria azienda
     

Tuttavia:
 

  • I lavoratori a distanza hanno le probabilità uguali o leggermente inferiori dei colleghi al lavoro in ufficio o in sede di considerare il mantenimento della produttività come una sfida importante (10% rispetto al 13%)

  • Più di due terzi (67%) dei lavoratori pensa di sfruttare contratti di lavoro flessibile nelle proprie aziende, rispetto al poco più di un quarto (26%) del periodo precedente alla pandemia

  • Alcuni lavoratori hanno dovuto assumere un nuovo ruolo o accettare nuove responsabilità: quasi 7 su 10 (68%) hanno ricevuto un aumento di stipendio o un bonus grazie a queste scelte

Esistono differenze geografiche

Gig work


L'interesse verso il gig work è aumentato soprattutto in Asia Pacifico (17%) e America Latina (23%), restando stabile in Europa (17%) e diminuendo nel Nord America (15%).

Straordinari


La regione APAC è in cima alla classifica della quantità di straordinari non pagati, con una media settimanale di 9,9 ore.

Ottimismo


L'ottimismo per i prossimi cinque anni di lavoro è più basso in Europa al 71% e più alto in APAC (90%) e America Latina (85%).

Sicurezza


I timori legati all'insicurezza del lavoro hanno costretto tre quarti dei dipendenti ad assumere compiti extra o lavorare per un maggior numero di ore, soprattutto in APAC (39%) e America Latina (34%) e in maniera meno marcata in Europa (21%) e Nord America (27%).

Retribuzione di genere


In Europa, la gestione dello stress lavorativo dovuto all'impatto del COVID-19 ha colpito le donne in maniera più intensa rispetto agli uomini (17% contro 12%). Probabilmente, questo dato è legato alla minore flessibilità fornita alle donne dagli accordi di lavoro aziendali rispetto ai colleghi maschi.

Paga


I lavoratori del Cile erano i più propensi (61%) dell'America Latina a ricevere un aumento di stipendio o incentivo per l'assunzione di ulteriori responsabilità a causa della perdita dei posti di lavoro legati al COVID. Questo dato va confrontato al 56% del Brasile e al 54% dell'Argentina.

Il futuro

Secondo questo report, molte persone considerano complessa la gestione delle esigenze personali e il rispetto degli obblighi di lavoro, pensiero condiviso in tutto il mondo. La tutela della salute è stata la sfida più seria, seguita dal rispetto delle esigenze di lavoro e familiari, la gestione dello stress, il mantenimento dei livelli di produttività e la gestione dei carichi di lavoro. In tutte le regioni, esclusa la APAC, la gestione dello stress viene indicata dalle donne come la sfida più seria da superare, aspetto considerato in modo differente dagli uomini. Si tratta di un elemento a cui le aziende devono prestare attenzione.

Per superare le sfide e sfruttare le opportunità della pandemia, occorrerà un forte contributo della dirigenza e un ascolto e apprendimento su tutti i livelli. La cultura organizzativa dinamica, atta a ricercare metodi per ridurre lo stress e l'ansia, ricoprirà un ruolo essenziale nel consentire ai lavoratori e alle imprese di sopravvivere e crescere.

1I gig worker sono quelli che svolgono lavori occasionali, temporanei o stagionali, sono freelance, collaboratori esterni, consulenti, gig worker o soggetti che utilizzano una piattaforma online per la ricerca del lavoro.

Chiamata: 800 180 959